Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /homepages/32/d590586616/htdocs/clickandbuilds/PensaPositivo/wp-includes/post-template.php on line 284

Il Subcosciente

il_subcosciente-1030x666

La mente, come un ICEBERG, è costituita da due parti distinte: la punta dell’iceberg è la COSCIENZA, la parte sommersa è il SUBCOSCIENTE.

E come per l’iceberg noi tendiamo a vedere solo ciò che è emerso, come per la nostra mente consideriamo poco, o per nulla, il meraviglioso mondo del nostro subcosciente.

Esso rappresenta la parte più estesa di noi  e riceve dalla Coscienza le informazioni raccolte  dalla ripetizione dei comportamenti appresi, aiutandoci molto spesso a risolvere velocemente situazioni già vissute nel momento in cui si ripresentano. Semplicisticamente, non toccare una cosa che ci ha scottati, piuttosto che cambiare le marce dell’automobile, o scrivere su una tastiera di un computer, sono tutti comportamenti che generano delle informazioni che immagazziniamo, facendoci agire nel modo corretto nel momento in cui la situazione si ripresenterà.

C’è un continuo travaso di dati tra le due menti senza che noi ce ne accorgiamo. La spettacolarità è che nel travaso passano anche le emozioni e le sensazioni provate, che sono ancorate al fatto successo.

Se per esempio veniamo morsi da un cane (anche senza ricordare di averlo vissuto), oltre all’esperienza fisseremo dentro di noi il dolore, la paura e lo choc. E tutto ciò comporterà che quando vedremo un cane, presumibilmente attraverseremo la strada pur di non incrociarlo vicino a voi.

L’esempio fatto sopra può sembrare banale nell’esprimere  il condizionamento che si crea nella nostra mente. Ma ora proviamo a pensare quando nostra madre, padre, marito, moglie etc.  ci ha ripetutamente  detto che siamo incapaci, inetti, falliti etc. Ebbene, questa informazione (questo fatto) viene registrata nel nostro subcosciente ed ogni volta che noi ci troveremo ad affrontare una situazione nuova in cui avremo la necessità di metterci alla prova, il messaggio registrato salterà fuori.

Il risultato quale sarà?  Con la convinzione subcosciente di essere incapaci, ci comporteremo come tali e tutti i pensieri e comportamenti che assumeremo ci faranno mancare l’obiettivo e non saremo in grado di evitare che quanto abbiamo desiderato si trasformi in realtà.

L’aspetto positivo è che la catena evento-ricordo-comportamento può anche funzionare a nostro vantaggio.  Se, ad esempio, riceviamo la conferma di essere amati anche quando stiamo commettendo degli errori, il nostro subcosciente registra il fatto sotto forma di sicurezza. Ciò ci permetterà di affrontare situazioni difficoltose con una visione della realtà ottimistica e con maggior sicurezza. I risultati saranno così garantiti.

E LA COSA FANTASTICA E’ CHE IL NOSTRO SUBCOSCIENTE NON GIUDICA SE L’INFORMAZIONE PASSATA E’ O CORRETTA O MENO, SENSATA O ASSURDA, VERA O FALSA. Procede solo ad immagazzinarla come un fedele servitore ed a riprodurla quando se ne ripresenterà la necessità e quando le sensazioni e le emozioni saranno simili.

Noi abbiamo quindi la possibilità di invertire la marcia dei nostri pensieri negativi ed in maniera cosciente installare con volontà, convinzione ed emozione nuovi pensieri positivi, che se ripetuti frequentemente influiranno sui nostri comportamenti.

Fonte: www.iopertecoach.com

Fammi sapere cosa ne pensi, lascia un commento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: